Dai dati mensili forniti da Terna, possiamo notare come nel primo bimestre, in Italia, l’eolico e il fotovoltaico abbiano fatto aumentare il contributo totale delle rinnovabili, che coprono finora il 30,7% della domanda nazionale.

Per  quanto riguarda i dati dei primi due mesi del 2019 vediamo che la domanda è aumentata dell’1,1% rispetto allo stesso periodo del 2018, con una produzione nazionale che è in aumento del 6,6%. Il saldo con l’estero è a -26,1%. Le fonti rinnovabili (quasi 16,6 TWh) crescono nel primo bimestre dell’11,1% sullo stesso periodo 2018. In aumento del 26,5% la produzione derivata da energia eolica e quella da fotovoltaico del 31%. Più o meno stabili le altre fonti rinnovabili. Il termoelettrico sale invece del 4%. La quota di rinnovabili sui consumi elettrici in questi primi due mesi dell’anno si attesta intorno al 30,7% in rialzo rispetto a quella del primo bimestre 2018. 

Per questa parte dell’anno il fotovoltaico ha coperto finora il 5,1% della domanda, mentre l’eolico l’8,6% e l’idroelettrico il 10%. Al 5,3% le bioenergie e all’1,7% la geotermia. In questo grafico viene mostrato l’andamento della domanda di energia elettrica, rapportato alla generazione da fonti rinnovabili, nei primi bimestri che vanno dal 2014 al 2019.

Se questo articolo ti è piaciuto metti un “mi piace” sulla pagina di @meridianaenergia così potrai rimanere sempre aggiornato!

CONTATTACI E PRENOTA 30 MINUTI DI CONSULENZA TELEFONICA GRATUITA CON UNO DEI NOSTRI ESPERTI

NUMERO TELEFONICO 0371 237108 o scrivici Whatsapp 392 6154174  oppure info@meridianaenergia.it